giovedì 23 febbraio 2017

CARI AFRICANI, QUI E' L'EUROPA CHE VI PARLA


E’ stato calcolato che nel 2060 l’Africa conterà oltre due miliardi di persone. Non essendo pensabile che possano esondare in Europa per sfuggire a morte certa, bisogna assolutamente collaborare con l’Africa affinché possa incamminarsi sulla strada dello sviluppo, creando così condizioni di vita tali da permettere alla sua popolazione di restare. Come? Basta pensare che nel 2014 le varie guerre in corso sono costate all’economia del mondo 14.000 miliardi di euro. 2.500 miliardi sono state solo le spese militari. Oggi nel mondo ci sono un miliardo e cento milioni di persone che vivono con 1,25 dollari al giorno (fonte Sole24ore). Quello che segue è un esame di coscienza sulle responsabilità del civile Occidente. Non piacerà a tutti, ma è storia.

 
Alessandro Gilioli * – dal Blog “Piovono Rane”di L’Espresso – 

 
Carissimi africani, come va? Qui è l’Europa che vi parla! Da Bruxelles, avete presente?
Pensate che proprio da qui, giusto un secolo e mezzo fa, ci si divertiva a farvi lavorare gratis nelle piantagioni e nelle miniere per la maggior ricchezza di re Leopoldo, però dai, ragazzi, noi ci si conosceva già da parecchio prima: quando tutti insieme – inglesi, olandesi, portoghesi, spagnoli etc – abbiamo messo in catene 12 milioni di voi per venderli in America, e anche lì è stato un bel business. 

giovedì 9 febbraio 2017

UN AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA SI RACCONTA


Viaggio nella psiche degli agenti di Polizia penitenziaria. Il duro lavoro di chi, per 1500 euro al mese, è esposto a enormi dosi di stress emotivo. Con risultati che, talvolta, possono essere devastanti.

 
Cosa accade nella mente di un agente di Polizia penitenziaria? Come reagisce la psiche umana al contatto quotidiano con emozioni perturbanti come la sofferenza, la rabbia, la disperazione? E chi aiuta questi ragazzi e ragazze ad affrontare un lavoro duro, sottopagato, che moltiplica i rischi di esaurimento e depressione?

sabato 4 febbraio 2017

PENSIONE : UNA SU QUATTRO E' SBAGLIATA


I patronati lanciano l'allarme sugli errori di calcolo riguardanti soprattutto gli assegni più bassi.

 
http://www.studiocataldi.it/articoli/24971-pensione-una-su-quattro-e-sbagliata-come-ottenere-il-rimborso.asp 

 
 Una pensione su quattro conterrebbe errori sul calcolo dell'assegno. I patronati lanciano l'allarme e segnalano una serie di errori che riguardano soprattutto le pensioni più basse, ovvero tutte quelle che non superano i 1200 euro netti.