sabato 22 luglio 2017

RICORDANDO GIOVANNI (FALCONE)


Dopo gli attentati di Capaci e di via D'Amelio in cui perdono la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Ilda Boccassini, in servizio alla Procura di Milano, chiede di essere assegnata a Caltanissetta e rimane nella città siciliana fino al 1994 per tentare di individuare i responsabili delle strage. In particolare, è la morte di Falcone a colpirla profondamente: immediatamente dopo aver appreso la notizia dell'assassinio dell'amico, Ilda parte nel cuore della notte per andare a vegliare il cadavere con i carabinieri.

 
A Giovanni è stato impedito nella sua città di fare i processi di mafia. E allora lui ha scelto l'unica strada possibile, il Ministero della Giustizia per fare in modo che si realizzasse quel suo progetto: una struttura unitaria contro la mafia. Ed è stata una rivoluzione.”  Così aveva gridato il giudice Ilda Boccassini alla notizia della morte di “Giovanni”. 

mercoledì 19 luglio 2017

LA MAFIA E'.....



Questa definizione della mafia è stralciata dall’ultima lettera di Paolo Borsellino, scritta alle 5 del mattino del 19 Luglio 1992, dodici ore prima che l’esplosione di un’auto carica di tritolo, alle 17 dello stesso giorno, davanti al n.19 di Via D’Amelio, facesse a pezzi lui e i ragazzi della sua scorta. La lettera era destinata alla preside di un liceo di Padova, presso il quale avrebbe dovuto recarsi a gennaio per un incontro al quale non si era poi recato per una serie di disguidi e di altri impegni. Rispondendo a delle domande postegli dai ragazzi del liceo, ci da tra l’altro, in maniera estremamente semplice e chiara, come solo lui era in grado di fare, una definizione della mafia che bisognerebbe  che tutti conoscessero e che fosse insegnata nelle scuole.
19 luglio 1992 - 19 luglio 2017 


 
                   Tratto da 19luglio1992.com

 
La mafia (Cosa Nostra) è una organizzazione criminale, unitaria e verticisticamente strutturata, che si contraddistingue da ogni altra per la sua caratteristica di “territorialità”. Essa e suddivisa in “famiglie”, collegate tra loro per la comune dipendenza da una direzione comune (Cupola), che tendono ad esercitare sul territorio la stessa sovranità che su esso esercita, deve esercitare, legittimamente, lo Stato.

martedì 18 luglio 2017

INCENDI 2017 : LA FLOTTA AEREA DELLO STATO


Sono in tutto 16 i Canadair CL415 schierati e quattro gli elicotteri Erickson S64. Altri 8 aeromobili arrivano dal Comparto Difesa e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Dove sono dislocati. Come funziona la richiesta di concorso aereo.
 
Aumenta la flotta statale impegnata nel contrasto agli incendi boschivi. La campagna AIB 2017, avviata ufficialmente dal 1° luglio al 31 agosto 2017 è composta da una flotta di sedici Canadair CL415 (gestiti da Babcock MCS Italia),  due dei quali cofinanziati dalla Commissione Europea nell’ambito del progetto BufferIT,  quattro elicotteri Erickson S64F (uno dei quali considerato riserva tecnica), e altri otto elicotteri del Comparto Difesa e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

mercoledì 12 luglio 2017

IL VESUVIO BRUCIA


"Non parliamo di autocombustione, perché mi viene il voltastomaco. Questi incendi sono tutti dolosi" (Gen. Costa, Comandante Regionale Carabinieri Forestale).


Cliccare sulle foto per ingrandire

lunedì 10 luglio 2017

IL NARCISISMO DIGITALE : LA PATOLOGIA DEL "MI PIACE"

 
Soffri di una patologia chiamata "social narcisismo" ? Quando nessuno prende più in considerazione il tuo post, metti tu stesso  "like"? Sì, è da sfigati, ma ormai sei accecato da chissà quale mania di protagonismo e racimolerai ancora qualche likes.


Vincenzo Ligresti - Huffington Post


Se la tua vita è poco gratificante o lo è fin troppo, non cambia poi mica molto. Hai sempre la tua foto del profilo su Facebook per colmare mancanze o rasentare quella che credi sia perfezione. Mi spiego meglio. Partiamo da un semplice assunto: l'autostima di un giovane è direttamente proporzionale alla quantità di "mi piace" che riceve giornalmente su Facebook. Baggianate, direte. Magari.


domenica 9 luglio 2017

TRAMONTI PESARESI


Con il solstizio d’estate, il periodo dei tramonti sul mare in Baia Flaminia ha appena superato il giro di boa, ed il sole inizia a riavvicinarsi alle pendici del San Bartolo dietro al quale sparirà, dando appuntamento all’anno prossimo, poco dopo la metà del mese di Luglio.
Anche se mancano quindi ancora diversi giorni, si può già dire che difficilmente sarà possibile ammirare un tramonto migliore di quello della sera del 19 giugno, quando l’assenza totale di foschia e una giornata molto limpida ci hanno regalato un notevole spettacolo, ben rappresentato dalle sei immagini scelte per “raccontarlo”.

cliccare sulle foto per ingrandire
  


Nella prima il sole ancora abbastanza alto disegnava una scia di fuoco sul mare, con le acque che sembravano ribollire sotto l’effetto del più luminoso degli astri.


martedì 4 luglio 2017

FOSSOMBRONE : L'ATTENTATO FALLITO

Il commando di assalto  si era appostato per tutto il mese di luglio sulla collina di fronte al carcere per controllare i movimenti del personale di sorveglianza.  Sarebbe stato composto da 20 persone, divise in 4 gruppi. I primi tre avrebbero dovuto affrontare, con un conflitto a fuoco, i carabinieri che circondavano il carcere 24 ore su 24.  Il quarto commando avrebbe dovuto aprire il varco nel muro di cinta con una carica esplosiva.

cliccare per ingrandire
 Aldo Maturo

 
L’assalto al supercarcere di Fossombrone, previsto per il mese di agosto 1982, saltò per il succedersi di eventi del tutto fortuiti. Se fosse scoccata l’ora X, ci sarebbero state molte vittime. Il carcere era presidiato dalle sentinelle e dai carabinieri, che lo circondavano notte e giorno. Un conflitto a fuoco sarebbe stato inevitabile e d’altra parte era stato preventivato anche dai terroristi, come risultò dalla scoperta del piano di attacco. 

lunedì 3 luglio 2017

L'AMICIZIA


Dal Blog Meditare.net 
28 giugno 2017 

 
Un uomo, il suo cavallo ed il suo cane camminavano lungo una strada.
Mentre passavano vicino ad un albero gigantesco, un fulmine li colpì, uccidendoli all’istante.
Ma il viandante non si accorse di aver lasciato questo mondo e continuò a camminare, accompagnato dai suoi animali.